Scuola di musica

La Società Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione di Pordenone nell’ambito delle sue attività istituzionali ha assunto, a partire dall’anno scolastico 1991/92, la gestione dei corsi musicali tradizionalmente organizzati dalla Banda Cittadina di Pordenone al fine di formare i futuri componenti il corpo bandistico. Da allora i corsi, allargati ad altre specialità strumentali, hanno dato vita ad una vera e propria scuola di musica, denominata “Scuola Popolare di Musica”. La Società Operaia attraverso la gestione di questa scuola, oggi alla diciannovesima esperienza intende altresì continuare a promuovere presso i giovani e non, l’interesse per la musica ed agevolare, in generale, ogni iniziativa volta alla costituzione ed affermazione di gruppi musicali concertistici. Inoltre i corsi di cui alla presente relazione hanno particolare importanza per il sostegno del corpo bandistico di Pordenone, per assicurarne il ricambio e la completezza dell’organico elevando così il suo bagaglio tecnico-culturale musicale e garantirne il futuro. 
La scuola è aperta a tutti a partire da un’età di 4 anni in poi. 
Le finalità innanzi illustrate vengono realizzate attraverso: 
a) L’organizzazione e la conduzione di corsi regolari annuali (propedeutici, teorici, strumentali) di musica; 
b) La promozione in ogni ambiente sociale, con particolare riguardo presso le scuole pubbliche, della cultura della musica;
c) La collaborazione con tutte le istituzioni, pubbliche e private, interessate all’affermazione ed allo sviluppo delle attività musicali, anche dilettantistiche;
d) La biblioteca musicale e una raccolta di strumenti musicali;

L’organizzazione delle varie classi di musica, tutte rigorosamente pratiche, è pensata in modo da consentire la frequenza alle lezioni in base a quattro distinti livelli: 
Livello propedeutico: è rivolto ai bambini di età compresa tra i 3 e gli 8 anni. Si propone di far conoscere i primi elementi del linguaggio musicale e di sviluppare l’orecchio musicale e il senso ritmico attraverso attività a carattere prevalentemente ludico. Sono previste lezioni di gruppo. 
Livello popolare: è il livello di chi desidera utilizzare il proprio tempo libero all’interno di una struttura che gli permetta di condividere con gli altri la sua passione e di approfondire, seppur a livello dilettantistico, la conoscenza di uno o più strumenti. Anche in questo caso sono previste lezioni di gruppo. 
Non accademico: è tipico delle specialità strumentali non professionali. È adatto in ogni caso a coloro i quali non hanno la possibilità o l’intenzione di seguire un regolare percorso di studio, bensì un programma più elastico o personalizzato. Le lezioni sono individuali. 
Accademico: è il percorso didattico dedicato a chi intende conseguire il diploma relativo allo strumento studiato. 

Sono previsti esami presso i Conservatori di Musica secondo i programmi ministeriali vigenti. 

Oltre alle specialità strumentali sono previsti corsi di Propedeutica musicale vocale e propedeutica musicale strumentale, formazione di gruppi di musica d’insieme “combo”, orchestra giovanile di violini, musica d’insieme bandistica. musica è un’arte che appartiene a tutta la collettività e in quanto bene culturale assurge a servizio La scuola popolare si impegna ogni anno ad individuare e a proporre nuove iniziative musicali. Quest’anno propone, oltre a tutti i corsi già avviati. un corso di mandolino tenuto dal M° Dino Zimolo. Di origini antichissime, questo strumento conobbe la sua massima popolarità dal Cinquecento al Settecento; è stato impiegato anche nella musica cosiddetta colta e, talvolta, anche nell’opera lirica. Lo stesso Antonio Vivaldi compose un concerto per mandolino (Concerto in Do maggiore Op.3 n.6) e due concerti per due mandolini ed orchestra. Mozart lo inserì nel suo Don Giovanni e Beethoven gli dedicò quattro sonatine. La seconda novità si inserisce in ambito extracurricolare ed è rivolta a chi vuole conoscere ed utilizzare le ultime novità tecnologiche applicate al campo musicale. Il corso di musica e computer tenuto dal prof. Matteo Gasparotto vuol dare un’opportunità ai musicisti di imparare ad usare softwares dedicati sia al live recording (registrazione dal vivo su computer) sia alla notazione digitale. Infine, la scuola proporrà un corso dedicato a tutti i cantanti. Si tratta di un ciclo di lezioni di anatomia e fisiologia della voce tenuto dal M° Mariangela Casagrande. Utile per comprendere meglio il funzionamento dell’apparato fonatorio, esso è dedicato a chi vuole poter usare la propria voce nella piena naturalità e consapevolezza, anche in situazioni di stress (performances, concerti, audizioni, ecc.). 
Sul piano della divulgazione musicale, è prevista una serie di incontri di storia della musica moderna tenuti dal direttore della scuola dove si tratteranno i vari generi sia da un punto di vista musicale che sociale. 
All’interno della scuola, si evidenzia una continua crescita del numero di studenti che sostengono esami presso i Conservatori statali. Inoltre, tutti gli studenti sostengono regolarmente gli esami di passaggio all’interno della scuola stessa. Si segnala inoltre la continua partecipazione degli allievi a varie manifestazioni tra le quali “Incontri in corte” e “Incontriamoci a Pordenone”. L’ensemble giovanile di fiati della scuola, oltre a manifestazioni esterne, accompagna musicalmente varie iniziative della Società Operaia. Molte sono le collaborazioni con altre realtà musicali. Alcuni allievi di violino, ad esempio, fanno parte dell’orchestra d’archi giovanile “Zinaida Gilels”. Una particolare segnalazione và agli allievi Martina Petrafesa e Roberto Battistella che già da due anni stanno frequentando un corso di direzione bandistica. Infine, si ricorda la partecipazione di alcuni allievi al progetto “Storie giovani” per lo spettacolo “Non ora, non qui”. Il programma delle attività extra didattiche per l’anno scolastico 2009-2010 saranno ancora più numerose e varate nel corso della prima riunione che si terrà a settembre con il corpo docenti. 
Sul versante delle collaborazioni con le scuole statali, l’anno scolastico 2008-2009 ha visto la scuola Popolare di musica presente nel I° e nel III° circolo, nella scuola media “Pasolini” di Pordenone e nella scuola media “Zanella” di Porcia. Queste collaborazioni hanno soddisfatto insegnanti e studenti, e si ripeteranno anche per l’anno scolastico di imminente apertura.